Abbiamo inteso il tema del tempo inesatto                                                                            come scandito secondo una misura soggetta all’emozione                                           non secondo una progressione lineare                                                                              ma percepito come un continuo presente di flussi paralleli                                            che circolano nella nostra esistenza                                                                                      di cui a volte siamo consapevoli                                                                                             e in speciali occasioni tentiamo di rendere visibili ad altri

istanti che ormai sono trascorsi e hanno modificato la realtà                                    qualcosa già avvenuto prima del nostro ingresso                                                              un delitto in questa stanza appena commesso                                                                   un vestito che solo ieri indossavo e più non trovo                                                               la persistenza del passato negli oggetti e nei luoghi                                                       uno sguardo indietro trascinati avanti tra le rovine                                                              la memoria che sotto i nostri passi riaffiora

Una macchina del tempo interiore, composta di camere emozionali:                 abbiamo estratto dal nostro “repertorio” più recente alcuni esempi di questo tentativo componendoli in una sequenza di eventi che si dipana per  tutti i locali,                   finchè il visitatore giunge all’origine delle immagini e del suono                                   che ne hanno scandito il percorso.

 

                                     

                                HOME                                                  INDIETRO                                                      AVANTI