fredda e limpidissima                                                        si getta sul mondo la giornata:                                           ne’ guerra o nuvole si azzardano                                   sul confine che lo sguardo inquieto esplora,          tenuto oltre il bordo dallo scudo di tramontana

così difesi ben si potrebbe sorbire il sole,                     al riparo della scatola goderne il tepore,                        e invece proprio il lato mancante,                        quell’azzurro spietato di cielo e mare,                            ci tormenta

scontenti di un mattino sereno                                       nel calendario di avverse previsioni,                            per un istante di pace sul quadrante inesorabile,         in una splendente attesa                                             della grandine notturna,                                                 con un sorriso di compianto alle piante stente,          che passeri e fiducia disertano sul nostro balcone.

                 

  

                  

 

 

                              HOME                                                 INDIETRO                                                          AVANTI