erano i tempi che le navi                                       rigavano il riflesso del cielo di nero,                           rette punti nuvole geometria                                             di carbone e sudore:                                          all'incontro ci distinguevamo dall'acqua della notte    per i bagliori della caldaie sempre soffianti       convulse di portare e prendere                          smaniose di arrivare, di far scorrere la merce tra i porti era genova era l'india                                               carichi di sonno sbattevamo contro i moli                   con pacche di ferro sui fianchi:                        aggrappati appena, le grý affamate                                ci assalivano                                                       spazzando le stive le tasche                                             al sole ubriaco e riverso, ingordi di nuove merci         con una scia di rifiuti fuggivamo                                prima che il rimpianto ci gridasse dalle banchine

 

    

                              HOME                                                 INDIETRO                                                          AVANTI