Marco Cacciamani in"AZTLAN" - Genova 1998

·        1998  -  In maggio presenta al Teatro Garage di Genova, “NOZZE CHIMICHE”:           
E’ vero che Stalin credeva ai dischi volanti? Quando Rembrandt ha dipinto “Lezione di Anatomia” sapeva già di Roswell? Se Autonomia sparava per strada, i Rosacroce avevano qualche responsabilità?
Cose che ho avuto, cose che non ho più. Lampi di moderno nell’ombra del barocco. Domande sussurrate in attesa del sonno.         
Una lezione di anatomia, in cui una coppia di dottori e una di spose, estrae dal corpo del passato frammenti di memoria, delle preziose reliquie, degl’inquietanti ricordi, nello struggente rimpianto del tempo che, rivissuto insieme, non ritorna.

 ·     Nello stesso mese, all’Accademia di Belle Arti di Genova, ripropone “AZTLAN”.

 

·        1999 -   A gennaio, presso la galleria FLUXIA di Chiavari (Ge) espone la videoinstallazione   “AZTLAN” con performance conclusiva all’Istituto Statale d’Arte.

 

·     A febbraio, per l’Accademia di Belle Arti di Genova, ripropone “NOZZE CHIMICHE”.

 

·      Ad aprile, presenta al Teatro Garage di Genova, “MINIMA VITA”:

In questa occasione, Fludd c’invita ad una festa  da ballo: la sala è pronta, le sedie disposte attorno al centro, il colore delle luci, la musica, il videoracconto si distendono discreti ma insinuanti. Ma intanto, dentro e indietro, l’origine ci sovrasta e rimanda ad un altro cerchio, dove le antiche architravi sono in atttesa, ad ogni solstizio, che al sorgere del sole una ombra maschile si protenda e le penetri.  Come sparsi per la pianura, giacciono sul palco i ricordi d’infanzia,  l’epoca delle pietre,  dei giochi di cui ci struggiamo a cercare il senso perduto.

             

           

                 HOME                                                  INDIETRO                                                  AVANTI